Sezioni



Links


Carlo e Leopoldo Marenco

Carlo Marenco
Leopoldo Marenco

Carlo Marenco

Carlo Marenco
Carlo Marenco

Carlo Giovanni Battista Marenco nasce a Cassolnovo il primo maggio 1800 da una famiglia di cebani li' trasferitivisi per motivi di lavoro. Tornato con la famiglia a Ceva ancora bambino, a soli dieci anni fu ammesso come esterno nel locale collegio, ed a diciotto anni conseguì la laurea in legge presso l'Università di Torino.

Nuovamente tornato a Ceva, egli era incerto sulla strada da intraprendere. In quel periodo ebbe modo di approfondire la sua conoscenza delle tragedie di Vittorio Alfieri, Shakespeare, Alessandro Manzoni, Schiller, Goethe, Ugo Foscolo, e di convincere il padre a permettergli di intraprendere la carriera di letterato.

Nel 1826 si sposò con Luisa Cantatore Del Pasco, donna monregalese di famiglia siciliana, la quale gli diede ben quattordici figli. Di questi solo nove sopravvissero, tra cui Leopoldo, che seguirà le orme del padre.

Fu anche sindaco di Ceva per alcuni anni, e la città lo commemora dedicando al suo nome il teatro civico e la via principale del centro storico.

Fra le attività del Marenco si ricorda anche la sua collaborazione con due giornali piemontesi d'ispirazione liberale, "Il Subalpino" e "Letture di Famiglia", ed il lavoro prestato gratuitamente al collegio di Ceva. Queste sue meritorie attività, assieme alla sue produzione letteraria fecero sì che venisse accolto come membro onorario o socio in diverse società letterarie, fra cui, nel 1836 l'Accademia Filodrammatica di Torino e nel 1841 nell'Imperiale e Reale Accademia di Scienze, Lettere ed Arti della Valle Tibertina.

Nel 1843 fu nominato consigliere dell'intendenza generale di Savona : vi si trasferì per tre anni, fino alla sua morte avvenuta il 20 settembre 1846 a causa di una febbre tifoidea.

Le tragedie di Carlo Marenco furono molto apprezzate da Alessandro Manzoni, da Nicolò Tommaseo e da Silvio Pellico, ed anche dai francesi Alexandre Dumas, Eugene Scribe e Victor Hugo.

Il periodo più florido per la sua produzione letteraria fu fra il 1828 ed il 1842, anche se alcune opere, pubblicate dopo la sua morte, furono scritte precedentemente. Gran parte delle sue opere furono messe in scena dalla Reale Compagnia Sarda al Teatro Carignano di Torino.

La sua prima opera messa in scena fu il "Bondelmonte e gli Amidei" nel 1828. Successivamente scrisse: Carlo Marenco fu anche scrittore di poesie e saggi, pubblicate nel volume "Tragedie inedite" curato da Giovanni Prati.



Leopoldo Marenco

Leopoldo Marenco
Leopoldo Marenco

Leopoldo Marenco (Ceva, 11 agosto 1831 - Milano, 30 aprile 1899) è stato un librettista italiano.

Figlio del drammaturgo Carlo Marenco, come suo padre lavora per il Dipartimento del Tesoro dell'allora Regno di Sardegna. Nel 1860 diventa professore di Letteratura latina a Bologna e successivamente a Milano, e nel 1871 si ritirò a Torino.

I versi, scritti dopo il 1860, sono più notevoli per le loro qualità liriche da quelli drammatici, si ricorda "Celeste", "Tempeste alpino", "Marcellina", "Il Falconiere di Pietra Ardena", "Adelasia" "La Famiglia", "Carmela" "Piccarda Donati", "Saffo", "Rosalinda" ed altre.
I soggetti sono sia contemporanei allo scrittore, sia ispirati alla storia medievale.



Testo prelevato dalle omonime voci presenti su Wikipedia, l'enciclopedia libera, e rilasciato sotto la medesima licenza CC-BY-SA.
Le immagini sono state gentilmente fornite dall'associazione Ceva nella Storia


La stagione 2016-2017 è terminata

Stagione terminata


Arrivederci al Teatro Marenco!